ROBERT RIVE, OBIETTIVO ITALIA

Prima delle etichette e della corsa ai “mi piace”, quando la fotografia era ancora un’arte tutta da imparare, Robert Rive si innamorò dell’Italia e la attraversò da nord a sud per lasciarci alcune delle vedute più straordinarie di un Paese che camminava verso il Novecento.

Perché no, che l’Italia sia la mecca di fotografi di tutto il mondo dal 1839, data di nascita “ufficiale” della magia che strappa secondi all’eternità (Robert Doisneau docet), non è una novità e non può stupire nessuno. Consentiteci un po’ di chauvinisme, che non è tale, ma la verità oggettiva: se l’idea del “viaggio in Italia”, per motivi religiosi o eruditi, era stata una costante dal Medioevo, lo sviluppo del Grand Tour -ovvero, il viaggio inteso già come un’attività essenziale di formazione intellettuale e morale- fece del nostro Paese una tappa prediletta e irrinunciabile per artisti, uomini di cultura e figli delle case aristocratiche europee a partire dal Settecento.

Con l’avvento della fotografia, una nuova ondata di pionieri, alle prese con le attrezzature che avrebbero cambiato la storia del mondo, cominciò ad approdare alle coste italiane con l’obiettivo di rendere eterno quello che prima doveva affidarsi al pennello, al ricordo o all’immaginazione. Tra tutti questi artisti, Robert Rive è sicuramente uno di quelli che ci ha lasciato alcune delle immagini più belle di un’Italia che si affacciava all’età contemporanea. E per lui, come succede con altri illustri visionari -basti ricordare il padre “dimenticato” del cinema, Segundo de Chomón-, parla la sua opera, poiché la sua biografia rimane tutt’oggi avvolta nel mistero.

Nato a Breslavia, ma di origini francesi, aveva 25 anni (ovvero, attorno all’anno 1850) quando lasciò il freddo dell’allora Regno di Prussia per il sole di Napoli, dove aprì, assieme al fratello Giulio, uno studio di fotografia a Palazzo Serracapriola, nel quartiere Chiaia, con tanto di sede succursale a Capodimonte. Senza il catalogo dello stabilimento commerciale e senza l’archivio delle lastre, solo nel 2015 Giovanni Fanelli ha portato a termine un magnifico elenco delle immagini di Rive, evidenziando la sua padronanza tecnica fin dagli scatti più antichi, il che ci fa pensare che fosse già un fotografo qualificato quando traslocò all’ombra del Vesuvio.

Perciò ci mise poco a diventare un vero artista nel suo Paese d’adozione: si destreggiava con maestria tra i formati più popolari, dal grande al “mezzano”, dagli stereofotogrammi allo stile “gabinetto”, e andavano a ruba gli album cartonati in cui si raccoglievano le sue vedute delle principali città italiane, realizzate in compagnia del fotografo italo-tedesco Giorgio Sommer a partire dal 1960. Scatti particolarmente amati dai viaggiatori del Grand Tour, un vero “censimento”, nelle parole di Charles Henri-Favrod ne Il Mediterraneo dei fotografi, indispensabile per lo studio non solo del patrimonio artistico, ma anche degli usi e costumi dell’Italia di fine Ottocento.

Il prestigioso studio di Rive, invitato all’Esposizione universale di Parigi del 1867, continuò la sua attività dopo la morte del fondatore, avvenuta nella propria Napoli nel 1889. O, almeno, così si credeva fino a poco tempo fa, poiché Fanelli, nel corso della mostra svoltasi a Modena tra il 2016 ed il 2017, ha comunicato alla comunità scientifica la scoperta del certificato originale di morte del fotografo prussiano, emesso nel 1868. In questo caso e per quanto riguarda gli ultimi scatti ufficiamente fatti da Rive, si sarebbe creato un curioso gioco di nomi d’arte tra Robert e suo fratello, simile a quello legato ad un altro “mitico” Robert, di cognome Capa, tra Gerda Taro ed Endre Friedmann.

La rivoluzione Rive, fatta di ampie inquadrature e composizioni equilibrate, brulicanti di vitalità e luminosità, concepisce la città e i tipi umani come un paesaggio naturale, che abbraccia -letteralmente- con i suoi punti di vista rialzati, diventando così un narratore privilegiato dell’anima italiana alle porte del Novecento. Un’eredità inestimabile, immersa in un’atmosfera talmente romantica che, nel suo scatto del Cimitero dei protestanti a Roma, ci sembra ancora di vedere Oscar Wilde piangendo, inginocchiato sulla tomba di John Keats, “il più grande poeta del secolo”. E a questa categoria appartiene anche il nostro “Roberto”, come a lui piaceva firmare.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares