ELENA LUCREZIA CORNARO, PRIMA DONNA LAUREATA AL MONDO

La mattina del 25 giugno del 1678, mentre il sole d’estate cominciava a splendere sulla facciata della cattedrale di Padova, al suo interno si svolgeva l’esame per il conferimento del dottorato a Elena Lucrezia Cornaro Piscopia. Ben due tesi su Aristotele valsero alla 32enne veneziana la proclamazione per acclamazione come Magistra et Doctrix in Philosophia, diventando così la prima donna al mondo ad essere laureata e insignita del titolo di Doctor.

Ma, come succedeva spesso in un mondo che ancora coniugava l’arte e la scienza solo al maschile, forse il talento di Elena, discendente da una delle più note famiglie del patriziato della Serenissima, sarebbe rimasto nascosto nelle pieghe di una vita accomodante e accomodata, se non fosse stato grazie alla lungimiranza di suo padre –un punto in comune con altre biografie eccezionali, come Cristina da Pizzano o Laura Keene. Procuratore di San Marco e attivo mecenate, Giovanni Battista Cornaro era abituato ad avere a che fare con donne straordinarie: dalla sua casata, oltre a svariati dogi e uomini di chiesa, era uscita Caterina Cornaro, regina di Cipro e signora di Asolo, e, soprattutto, al suo fianco c’era, come riconobbe pubblicamente, una uxor optima -e, per di più, plebea-, Zanetta Boni. La coppia sfidò tutte le convenzioni sociali possibili e crebbe i cinque figli in un ambiente di libertà e amore per la cultura, senza sostanziali differenze tra maschi e femmine, sposandosi solo nel 1654, ovvero, dopo vent’anni di convivenza.

Su questi presupposti, le brillanti doti intellettuali di Elena ci misero poco a venire a galla. Con l’instancabile sostegno di un altro Giovanni Battista -Fabris, confessore e parroco di San Luca-, a sette anni cominciò gli studi, spaziando in quasi tutti i grandi campi del sapere. Il primo amore furono le lingue: se Fabris e Alvise Gradenigo diventarono i suoi insegnanti di greco antico e moderno, dal rabbino di Venezia, Shemuel Aboaf, imparò l’ebraico e da Giovanni Valier, il latino, passando per lo spagnolo, il francese, l’arabo e l’aramaico. Poi arrivarono la matematica, l’astronomia, la geografia, l’eloquenza e la dialettica, e acquisì una squisita cultura musicale grazie a Maddalena Cappelli, organista di umili origini che aveva trovato alloggio nella dimora di famiglia e divenne la sua amica inseparabile fino all’ultimo. E, infine, le grandi passioni, la filosofia e la teologia, con due professori dell’università di Padova: Carlo Rinaldini e Felice Rotondi, che anni dopo ricorderà commosso di aver avuto Elena più come collega e maestra che come alunna.

Frontespizio della Vita di Helena Lucretia Cornara Piscopia. Massimiliano Deza, Venezia, 1686.

Le acque, però, non sempre scorsero tranquille in casa Cornaro. La vocazione intellettuale e la vocazione religiosa viaggiavano su binari paralleli nell’animo di Elena, che rifiutava sistematicamente le proposte di matrimonio che le arrivavano, compresa quella di un principe tedesco. Siccome il fantasma della reclusione in convento tormentava i suoi genitori, la giovane scelse una via di mezzo per vivere la sua fede senza scuotere (troppo) le fondamenta familiari: a 19 anni fece voto di castità e divenne oblata, il che la consentì di vivere secondo la regola benedettina, ma nella sua casa e con totale indipendenza, indossando abiti normali (eccezione fatta per uno scapolare di lana nera) e non trascurando mai le ricerche e gli scambi culturali che tanto amava. Il nome della Cornaro riecheggiava ormai in tutto il Paese ed esplose definitivamente nel 1669, quando pubblicò una deliziosa traduzione dallo spagnolo del Colloquio di Cristo all’anima devota di Giovanni Lanspergio.

Dall’Accademia dei ricoverati di Padova a quella degli Infecondi di Roma, dagli Intronati di Siena agli Erranti di Brescia, passando per i Dodonei e i Pacifici della natia Venezia, i principali centri di cultura volevano Elena nelle sue schiere e veniva spesso chiamata a dare dimostrazioni pubbliche della sua erudizione. E non solo: il suo prestigio aveva varcato i confini e da tutta Europa arrivavano intellettuali e scienziati a visitarla e suscitare dibattiti di ogni natura, tra cui la famosa consulta su geometria solida del cardinale Federico d’Assia-Darmstadt. Quando arrivò il momento decisivo di far domanda per dottorarsi in teologia, la Cornaro ricevé il nihil obstat dal Collegio dell’Università di Padova, che apprestò un cerimoniale adeguato alle circostanze -vale a dire, escludendo il riconoscimento del diritto all’insegnamento-, ma trovò la ferma opposizione del vescovo della città, Gregorio Barbarigo, il quale riteneva “uno sproposito dottorar una donna, sarebbe renderci ridicoli a tutto il mondo”.

Dopo mesi di trattative e grazie alla mediazione di Rinaldini, Elena poté laurearsi, ma non, come desiderava, in teologia, che restò ancora ufficialmente chiusa alle donne, bensì in filosofia. Quella mattina d’estate del 1678 la Cappella della Vergine fu allestita per poter accogliere la marea di persone che voleva assistere al cerimoniale. Fu un miraggio? Laura venne immediatamente aggregata al Collegio dei filosofi e dei medici dell’università patavina, ma la morte per tubercolosi a soli 38 anni stroncò la sua carriera e insabbiò presto la sua memoria. La giovane aveva, però, aperto una crepa decisiva nel muro che bloccava la strada verso il riconoscimento della libertà e la dignità intellettuale femminile. Mezzo secolo dopo arrivò la nostra seconda laureata, questa volta all’Università di Bologna: la fisica Laura Bassi, che allargò la crepa diventando la prima donna italiana a intraprendere una carriera accademica e scientifica e la prima al mondo a ottenere una cattedra universitaria. E da allora la Storia non si fermò mai più.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares