CRISTINA DA PIZZANO, DONNE IN RIVOLTA

Cristina nel suo scriptorium. La Città delle Dame, Libro della Regina, 1410. British Library.

Nel passaggio dal Medioevo al Rinascimento, Cristina da Pizzano diventò la prima scrittrice professionista laica della letteratura europea e diede il via ad un dibattito pubblico sulla parità dei sessi che cambiò la Storia per sempre.

Una donna eccezionale con un padre eccezionale, Tommaso di Benvenuto, fondamentale nella sua vita. Rampollo di una famiglia che godeva di un importante patrimonio nel territorio bolognese, specie a Pizzano, studiò medicina nel dotto, grasso e rosso capoluogo e rimase legato alla sua università fino al 1356, quando diventò consigliere della Repubblica di Venezia. Di fronte alla Laguna sposò la figlia del collega Tommaso Mondini da Forlì e nacque la sua primogenita, Cristina. Era l’anno 1365 ed il suo prestigio come astrologo aveva già varcato i confini della penisola: richiamato da molti sovrani europei, optò per Carlo V di Francia. Nel dicembre del 1369, la numerosa comitiva -erano nati anche Paolo e Aghinolfo- attraversò le Alpi e raggiunse Parigi a Natale. L’ammirazione del saggio re si tramutò in affetto sincero (e assolutamente ricambiato) per Tommaso. Cominciò così un’infanzia felice durante la quale Cristina venne educata alle lettere da suo padre, sfidando tutti i convenzionalismi possibili, in primis quelli materni, che avrebbero preferito un percorso più adatto ad una futura moglie bella e privilegiata, ovverosia “ago e filo”.

Una cittadina al di sopra di ogni sospetto?

Nel suo 15esimo compleanno, una legione di corteggiatori assalì Cristina. La scelta ricadde sul gentiluomo Étienne Castel, più grande di 9 anni, del quale si era profondamente innamorata. La prosperità della famiglia sembrava garantita, ma il destino aveva altri piani in serbo per lei. L’estate del 1380 e Carlo V se ne andarono lo stesso giorno, facendo venire a galla gli intrighi contro il beniamino del monarca, una campagna di discredito professionale che aggravò la delicata salute di Tommaso. L’astrologo morì nel 1387 ed Étienne, notaio e segretario reale, diventò capofamilia, anche lui per poco tempo: nel 1390 soccombé alla peste e Cristina rimase vedova a 25 anni, con tutto il clan -madre, figli, nipote- a suo carico. Una situazione di vulnerabilità che non la spaventò nemmeno quando si scoprì invischiata in una ragnatela burocratica: quasi vent’anni su e giù per i corridoi della Camera dei conti di Parigi per recuperare i beni paterni (“E posso dire che non mi scorderò mai di quelle stanze, delle facce di quegli uomini pieni di vino e grasso che deridevano le mie legittime pretensioni”).

Non si risposava? Non entrava in convento? Voleva controllare le finanze? No, la Pizzano era tutt’altro che una cittadina al di sopra di ogni sospetto. E non era ancora finita, anzi. “Mi vidi costretta a trasformarmi in uomo”, ma soltanto simbolicamente; se il destino familiare dipendeva da lei, non era disposta a giocare con altre carte che non fossero le sue: quelle di una donna dalla cultura squisita e dotata di straordinarie capacità intellettuali che diventò la prima scrittrice professionista laica della letteratura europea. L’esordio avvenne copiando testi popolari e subito dopo cominciò a scrivere opere su commissione di principi e nobili, prediligendo la poesia lirica, genere che entusiasmava il pubblico colto all’epoca: Cent ballades fu il primo grande successo della Pizzano, un’opera alla quale si avvicinarono molti scettici, spinti solo dalla curiosità, che rimasero immediatamente stregati dal suo talento. Poi arrivarono le Ballades d’estrange façon, capolavori di tecnica poetica e fonte d’ispirazione per i retorici, e i Complaintes amoureuses, composizioni leggere, ma già scandite da profonde riflessioni morali, sempre da un punto di vista femminile.

Cristina e suo figlio Étienne. La Città delle Dame, Libro della Regina, 1410. British Library.

Cristina leggeva e studiava senza sosta, spaziando da Aristotele, Ovidio e Boezio a Jacques Legrand e Jacopo da Varagine, passando per i suoi amati conterranei Dante e Boccaccio. Era una vera umanista che niente aveva da invidiare ai suoi colleghi; persino Gian Galeazzo Visconti la volle con lui a Milano, richiesta lusinghiera che Cristina, troppo attaccata alla patria adottiva, rifiutò. Con la sua fama riecheggiando dentro e fuori la Francia, iniziò la seconda tappa professionale buttandosi a capofitto nelle ambite acque filosofiche. La sua tecnica di composizione –exempla e allegorie, fondamenta letterarie bassomedievali- garantì il successo delle nuove opere –già il primo scritto morale, Epistre d’Othea a Hector, fu tradotto in inglese. Il tutto accompagnato da un’efficace politica editoriale: dal proprio scriptorium -Virginia Woolf ante litteram– si occupò della diffusione dei testi, meravigliosamente illustrati dai suoi tre miniatori di fiducia, uno dei quali era donna (purtroppo, niente sappiamo di lei), orgoglio della Pizzano, che mostrava ovunque i suoi lavori, superiori in delicatezza e precisione a tutti gli altri. La porta della rivolta stava per spalancarsi.

Pizzano e (è) la rivoluzione

Il punto di svolta definitivo arrivò nel 1402 e Galeotto fu -si fa per dire- il Roman de la rose, poema allegorico iniziato nel 1237 da Guillaume de Lorris e completato quarant’anni dopo da Jean de Meung. Un pasticcio di citazioni classiche e teologiche al servizio di un brutale attacco misogino che dipingeva le donne come esseri disonesti e lussuriosi, “tutte puttane, nei fatti o nelle intenzioni”, pazze e forsennate che “arrecano gran vergogna a Dio”. Nel 1399 Jean de Montreuil incensò in un opusculo il romanzo, presentandolo come “la Divina Commedia francese”. Deliri strettamente letterari a parte, Cristina fece una lucida denuncia di queste affermazioni nell’Epistre au dieu d’amours. Ma non fu sufficiente e nel febbraio del 1402, attraverso una serie di lettere indirizzate alla regina, diede il via ad un dibattito pubblico, alla radice della celeberrima e cruciale “querela delle donne”, che si propagò per tutta l’Europa durante l’età moderna sventolando la bandiera delle “rivoluzionarie” teorie della Pizzano: uomo e donna sono intellettualmente uguali e l’educazione è l’unico fattore che fa la differenza.

Nemmeno l’onnipotente università di Parigi rimase fuori dalla querelle e una Cristina trionfatrice scrisse il capolavoro La Città delle Dame (La Cité des Dames, 1405), in cui rade al suolo i luoghi comuni sull’inferiorità femminile con una profondità filosofica ed un’ironia senza precedenti (“Dio mio, perché non mi hai fatto nascere maschio? Tutte le mie capacità sarebbero state al tuo servizio, non mi sbaglierei in nulla e sarei perfetta in tutto, come gli uomini dicono di essere…”). Prendendo spunto dal De mulieribus claris di Boccaccio, narra la visita di tre donne -Ragione, Rettitudine, Giustizia- che la invitano a costruire una fortezza, una Gerusalemme celeste tutta al femminile per proteggere innumerevoli donne -mitologiche, bibliche, storiche- esemplari per sapienza e coraggio, da Saffo a Minerva, da Semiramide a Didone, dalle Amazzoni a Nicostrata e Lucrezia. Scrittrici, scienziate, martiri, sante, regine. Esempi incontestabili della capacità femminile di trasformare il mondo. Il tutto dedicato a quell’uomo che aveva fatto saltare in aria le convenzioni sociali per far sì che sua figlia diventasse una donna libera e consapevole.

LEGGI ANCHE: SAFFO DI LESBO, LA MEMORIA RITROVATA

Cristina con Ragione, Rettitudine e Giustizia. La Città delle Dame, Libro della Regina, 1410. British Library.

La Città delle Dame ricosse un successo enorme -basti pensare che fu tradotta persino in olandese- e lo stesso binario seguì l’epilogo, il Livre des trois Vertus, che incoraggia tutte le donne, dalla regina alla più umile prostituta, a farsi valere e a lottare per i propri diritti, senza dipendere da un uomo. Il terzo pilastro fu un’appassionata lettera aperta alla regina Isabella, che dal 1393 presiedeva un consiglio di reggenza, in difesa della necessità di introdurre la voce femminile non solo nel mondo intellettuale, ma anche in quello politico. Non era un messaggio a vuoto: il regno era dilaniato dalla Guerra dei cent’anni contro gli inglesi e da quel momento Cristina si concentrò sulla stesura di opere politiche, compresa una biografia del compianto Carlo V. I neri presagi sul futuro del regno della Pizzano si materializzarono a partire dalla disfatta francese nella battaglia di Azincourt, nell’autunno del 1415. Appena quattro anni dopo gli inglesi arrivarono a Parigi e Cristina si vide costretta a fuggire, trovando salvezza assieme alla figlia monaca nel monastero di Poissy, sulla riva sinistra della Senna.

Dieci anni di silenzio rotti nell’estate del 1429 con il bellissimo Ditié de Jehanne d’Arc, nel quale celebra le imprese della Pulzella d’Orléans: “Io, che per tanto tempo ho vissuto triste, in gabbia, comincio a ridere di nuovo”. Perché in quella pastorella 17enne che era riuscita da sola a risollevare le sorti del regno si incarnavano quasi miracolosamente le due cause della sua vita: le donne e la Francia. Il testamento spirituale della Pizan era la conferma della parità dei sessi, senza bisogno di cercare exempla nelle pieghe del passato: “Che onore per il sesso femminile, questo nostro regno salvato da una donna, cosa che cinquemila uomini non hanno fatto”. Cristina morì verso la fine del 1430 o nei primi mesi del 1431 e rimane tutt’oggi un mistero se la notizia della caduta di Giovanna in mano agli inglesi valicò le mura del monastero e arrivò a quella scrittrice straordinaria che aveva cambiato per sempre il corso della Storia: “Vogliamo liberarti dall’ignoranza che ti acceca e ti fa rifiutare quello che sai con certezza, solo per accomodarti ai pregiudizi altrui” (La Città delle Dame).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares