ALEXA MEADE: E SE FOSSIMO DENTRO UN QUADRO?

Tutti noi siamo abituati a vedere i quadri come delle opere realizzate su supporti più o meno piatti: che sia tela, carta o pareti, la pittura è stata sempre utilizzata per decorare il mondo che ci circonda. Ma sei il mondo che ci circonda fosse la pittura stessa? Con Alexa Meade, originale artista di fama internazionale, scopriamo insieme un modo altamente innovativo e decisamente interessante di concepire la pittura.

A chi di noi non piacerebbe vivere all’interno di un’opera d’arte? Essere il personaggio di un quadro o potersi tuffare dentro ad esso per vivere in un fantastico mondo dipinto? Ecco, ora questo sogno è diventato realtà, grazie all’arte innovativa dell’artista Alexa Meade, una trentenne di Washington famosa per le sue “installazioni pittoriche”.

Alexa dipinge direttamente sul corpo umano e su tutti gli oggetti inclusi nelle sue opere d’arte. Studia la composizione della scena per poi coprire con strati di colore persone, vestiti, oggetti di arredamento, pavimenti, muri e qualsiasi altra cosa ne faccia parte.

La grande novità di questo procedimento è il capovolgimento del concetto di pittura. Se infatti nel dipinto si è sempre cercato di simulare uno spazio tridimensionale su una superficie bidimensionale, nelle opere di Alexa succede l’esatto contrario: si copre e nasconde lo spazio tridimensionale cercando di farlo diventare bidimensionale.

Scrive di se stessa: “ Non ho mai avuto intenzione di diventare un’artista”. E in effetti per un periodo della sua vita Alexa ha studiato Scienze Politiche, partecipando anche alla campagna elettorale di Obama, per preparare il suo futuro ad un lavoro sicuro e rassicurante. “Come lo chiamavano i miei genitori: un vero lavoro”, scrive nella sua biografia.

Nonostante ciò, Alexa sente che c’è un istinto artistico in lei che deve essere assecondato, e comincia ad esprimerlo dipingendo tutto ciò che le capita sottomano, sperimentando così la sovrapposizione del colore alla realtà fino a coprirla completamente e trasformare la realtà in un dipinto spettacolare. E così quello che era cominciato come un hobby in cantina, di lì a breve diventa una forma d’arte richiestissima da musei ed esposizioni di tutto il mondo.

Quadri viventi

Vedere le sue opere dal vivo, osservare personaggi che sembrano apparentemente dipinti e senza dimensione staccarsi dallo sfondo,  è una sensazione che permette allo spettatore di sentirsi parte dell’opera stessa, di assistere ad una scena surreale e sorprendentemente caleidoscopica.

Ribaltando il concetto classico della pittura, Alexa ci mostra un mondo dove il confine tra immaginazione e realtà è sottilissimo e dove la distanza che separa lo spettatore dalla tela non esiste più.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *