50 ANNI DI SGT PEPPER

Sono passati 50 anni dalla pubblicazione, quel 1° giugno 1967, dello storico album dei Beatles Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, che ha rivoluzionato per sempre il concetto e le sonorità della musica popolare del periodo e che la rivista Rolling Stone ha messo al primo posto nella classifica dei 500 album migliori di sempre. Posto che, dopo mezzo secolo, è ancora saldamente occupato.

“Mi ricordo quando è stato pubblicato Sgt. Pepper. Abbiamo deciso di accostare la macchina e di stare lì ad ascoltarlo. Qualcuno suonava l’intero disco alla radio e mi ricordo che noi stavamo lì ad ascoltare completamente intontiti. Da quel momento credo che sia cambiato il mio approccio alla fase di composizione e scrittura. Credo di aver imparato le mie prime lezioni musicali dalle leggende del blues come Huddie Ledbetter e Bessie Smith, ascoltavo anche un sacco di jazz e Woody Guthrie. Ma ho imparato moltissimo anche dalla musica di protesta soprattutto quando ero molto giovane. Ora devo dire che da John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr ho capito che era giusto se anche noi scrivessimo delle nostre vite, del modo in cui ci sentivamo, in modo da poterci finalmente esprimere. Abbiamo capito che avremmo potuto essere degli artisti liberi ed in quella libertà c’era una grande valore”.

È così che Roger Waters, storico componente dei Pink Floyd, ricorda la prima volta che ha ascoltato Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, che è stato consegnato alla storia come l’album che ha rivoluzionato per sempre la musica popolare degli anni 60 e 70.

Eguagliare o addirittura superare la bellezza di Revolver, il precedente album dei Beatles, era impresa ardua, quasi impensabile a solo un anno di distanza. Ed infatti Sgt. Pepper non si confronta minimamente con gli album precedenti: li scardina completamente, mescolando magistralmente la musica britannica con strumenti e sonorità tipiche indiane, scenari psichedelici, incursioni circensi ed epici crescendo di orchestra.

Da questo momento in poi cambia radicalmente il futuro della musica non solo dei Beatles, ma dell’intera generazione; il loro nuovo approccio alla musica, fatto di sperimentazione e contaminazioni, sarà da ispirazione per le band contemporanee e la visione musicale avvenire.

Sgt Pepper: la rivoluzione dei contenuti

Nel ’67 i Beatles erano all’apice della loro creatività, ed era alle porte quella rivoluzione culturale anticonformista e liberale che avrebbe caratterizzato i successivi anni e che i Beatles inaugurano ufficialmente inserendo nei contenuti dell’album riferimenti alla politica, alla società e alle proprie analisi interiori. I brani sono per buona parte il risultato di quella che da molti critici è considerata una delle più felici collaborazioni compositive tra Paul McCartney e John Lennon, che ha dato vita ai due pezzi storici dell’album: Lucy in the Sky with Diamonds e A Day in the Life.

Se Lucy in the Sky with Diamonds, sebbene abbia sicuramente le sue qualità, deve la sua fortuna principalmente al fatto che le iniziali di Lucy, Sky e Diamonds formino l’acronimo LSD (che combinato al testo visionario del brano ha portato alla conclusione che il brano fosse la descrizione di un trip psichedelico), A Day in the Life è il vero e assoluto capolavoro non soltanto di questo album, ma osiamo dire di tutta la produzione beatlesiana.

La dualità tra Lennon e McCartney, le loro due anime compositive così diverse e contrapposte –da una parte McCartney il melodico, dall’altra Lennon il visionario– in questo brano si incontrano senza fondersi, producendo gli spettacolari cambi di ritmo e concetto che ne costituiscono la caratteristica principale. Queste differenze sono intervallate e sottolineate da un crescendo orchestrale dissonante ed inquietante, che in una sorta di “caos organizzato” risucchia in un vortice le parti sognanti e sconnesse di Lennon, per poi risvegliarsi improvvisamente al suono di una sveglia con il lucido “Woke up, fell out of bed” di McCartney.

Il brano venne accolto dalla critica e in tutti gli ambienti musicali come una delle più alte espressioni artistiche dell’epoca e tanti furono gli artisti che la nobilitarono a vera e propria fonte di ispirazione, tra cui Roger Waters (come già detto) e Robert Fripp, fondatore dei King Crimson, che dichiarò: “Sentirla fu pazzesco”.

Tutto in Sgt Pepper ‘s Lonely Hearts Club Band rappresenta un taglio con il passato per guardare al futuro, sia musicalmente che culturalmente: è lo spartiacque tra gli anni ’50 e ’60, con la loro cultura rigida e bacchettona, e l’imminente rivoluzione dei pensiero, che influenzerà i costumi, le sonorità e le battaglie tipiche degli anni ’70, dando ufficialmente inizio alla “Summer of Love”.

A riguardo McCartney dirà: “L’atmosfera dell’album era in sintonia con lo spirito di quel periodo, perché noi stessi eravamo permeati da quello spirito. Non intendevamo fare di tutto per dargli quell’atmosfera, semplicemente c’eravamo dentro. E non è stato solo il clima del periodo a influenzarci; ho cercato dei riferimenti che fossero più estremi. L’atmosfera del tempo assomigliava di più ai Move o agli Status Quo o gruppi del genere. Invece oltre a tutto ciò, c’era quello spirito d’avanguardia che penso sia entrato in Sgt Pepper. Era decisamente un movimento di popolo. Voglio dire, noi non stavamo cercando di alimentare quel movimento, noi ne eravamo parte, come lo eravamo sempre stati. Ritengo che i Beatles non siano stati i leader di una generazione, ma i suoi portavoce”.

Buon compleanno, sergente.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *